domenica 14 settembre 2014

Biarritz al Teatro dell'Arca


Carissima/o,
come forse saprai, l’Associazione Teatro Necessario onlus, che da 10 anni lavora all’interno della Casa Circondariale di Genova-Marassi, con attività trattamentali a favore della popolazione detenuta,  quali laboratori teatrali, corsi di formazione, ecc., da circa un anno è impegnata nella costruzione all’interno del carcere di un teatro totalmente in legno, denominato Teatro dell’Arca, della capienza di 200 posti, caso unico in Europa ed edificato dai detenuti stessi.

Venerdì 24 ottobre 2014, per la prima volta il Teatro dell’Arca aprirà le sue porte, in via eccezionale, con lo spettacolo teatrale Biarritz di Guido Conforti, che lo stesso ha voluto regalare come sostegno all’attività della nostra associazione.

“Le spiagge di Biarritz possono essere prese a metafora della realtà alla quale apparteniamo: una realtà plurima, costituita da innumerevoli individualità, tutte ugualmente necessarie ancorché non indispensabili se singolarmente intese. Come ogni granello di sabbia, ciò che esiste (e in particolare ogni persona che esiste) è un universo in sé e al tempo stesso parte di un corpo che l’ingloba, che lo mette in relazione con altri ed anche con il mistero rappresentato dalla sconfinata, mutevole, maestosa profondità dell’oceano.
Portare Biarritz a teatro vuol dire mettere in mostra questa verità universale e in particolare scegliere come oggetto e protagonista ‘l’umanità’: la persona e le persone”.
(G. Conforti)

Ti aspettiamo sperando non solo nella tua partecipazione, ma chiedendoti di promuovere questo straordinario evento tra i tuoi contatti.


E’ assolutamente indispensabile ricevere entro il 10 ottobre 2014, copia del documento di riconoscimento alfine di permettere l’autorizzazione per l’ingresso al Teatro dell'Arca; gli indirizzi mail dove spedire:
carloimparato@libero.it - studio@guido conforti.it
per informazioni: 010.24.75.125 - 348.41.41.152

Nel ringraziare Guido Conforti per questo bellissimo gesto così importante per noi, ti saluto caramente.

Mirella Cannata – Ass. Teatro Necessario onlus.